Mi accorgo che mentre dipingo tolgo più colore di quello che lascio. Non è uno spreco, non è una tecnica, è principalmente una scelta. Una densità di materia, una divisione di spazi e volumi non meditata, condizionata dagli impulsi del mio cervello. È un’anatomia di impulsi; una simulazione di terremoto su spettrometro. I realize that while I paint I remove more colour than I leave. It is not a waste, it is not a technique, it is mainly a choice. A density of matter, a division of spaces and volumes not meditated, conditioned by the impulses of my brain. It is an anatomy of impulses; an earthquake simulation on a spectrometer.